Specie e Razze

Sebbene esistano tantissime razze di criceti, elencheremo solo le specie di criceti che si possono tenere legalmente in cattività in Italia. Discorso a parte merita il Criceto Comune.

Criceto Comune, Cricetus cricetus

È una razza in pericolo in Europa, quindi non è possibile allevarli, ma merita di essere citato essendo delle nostre parti. Originario dell’Europa centrale e orientale, la sua lunghezza va da 20 a 34 cm (i maschi sono più grossi delle femmine) e il peso da 200 a 600 grammi. La testa è a punta, gli occhi sono grandi e scuri, le orecchie tonde. I denti sono lunghi ed affilati, la coda è di solito senza peli. È molto diffidente. La profondità della loro tana varia a seconda della stagione: di estate è profonda massimo 50 cm, mentre di inverno può arrivare fino a 2 metri. E’ composta di solito da una stanza dove raccoglie una quantità di semi che può arrivare fino a 10 kg, da una stanza dove fa i suoi bisogni e da un’altra per dormire e allevare i piccoli. Gli esemplari in cattività hanno raggiunto anche gli 8 anni di età.

 

Criceto Dorato, Mesocricetus auratus

È originario sella Siria ed è una specie classificata come vulnerabile a causa della distruzione del suo habitat. La lunghezza va da 13 a 20 cm e il suo peso raggiunge all’incirca 180-210 grammi. In particolare, esso viene spesso scelto come piccolo animale da compagnia soprattutto dai bambini (ovviamente supervisionati da un adulto, in quanto i criceti non sono giocattoli per bambini), rivelandosi in poco tempo un amico intelligente e simpatico. Inoltre è il criceto più facile da tenere in mano in quanto è il più grande. Tra loro, i Criceti Dorati non sono molto socievoli, quindi è opportuno tenerli in gabbie separate. Per ogni Criceto Dorato adulto, è necessaria una gabbia. La vita media è di circa 3 anni.

 

Criceto Russo di Campbell, Phodopus campbelli

È originario dell’Asia centrale. Ha un corpo di forma arrotondata. Un adulto è lungo circa 10-12 cm e generalmente i maschi sono più grossi delle femmine. Il Criceto Russo di Campbell è molto tollerante nei confronti delle manifestazioni affettuose dell’uomo ma è un po’ più nervosetto del Winter White. La colorazione normale del Criceto Russo di Campbell è grigio chiaro con sfumature rossicce, una sottile striscia nera sul dorso, occhi neri, pancia e zampe bianche; l’allevamento di questi animali ha portato però ad un gran numero di mutazioni nel colore del pelo. In natura vivono meno di 2 anni, in cattività anche di più. Dal Criceto Siberiano si distingue per le orecchie più piccole e la striscia dorsale più stretta.
Purtroppo spesso s’ignora il fatto che il Criceto Russo di Campbell e il Criceto Siberiano siano due razze distinte e questo ha prodotto una serie di ibridazioni che hanno gravemente inquinato gli esemplari di cattività, indebolendo anche le loro difese immunitarie. È difficile, ad oggi, avere la sicurezza della purezza degli esemplari in Italia.

 

Criceto Siberiano Winter White, Phodopus sungorus

È originario della parte sud-occidentale della Siberia e della parte orientale del Kazakistan. La sua lunghezza varia dagli 8 ai 10 cm. I maschi sono leggermente più larghi delle femmine. D’inverno in natura il mantello diventa più chiaro. In cattività il mantello non cambia colore ed è sempre grigio con la caratteristica linea nera al centro. Gli occhi sono più sporgenti rispetto al Criceto Russo Campbell. È molto curioso e accetta volentieri la presenza dell’uomo, però è più difficile da tenere in mano rispetto al Dorato. Vivono circa 2 anni. Se nutriti con carne possono diventare aggressivi.
Purtroppo spesso s’ignora il fatto che il Criceto Russo di Campbell e il Criceto Siberiano siano due razze distinte e questo ha prodotto una serie di ibridazioni che hanno gravemente inquinato gli esemplari di cattività, indebolendo anche le loro difese immunitarie. È difficile, ad oggi, avere la sicurezza della purezza degli esemplari in Italia.

 

Criceto Roborovski, Phodopus roborovskii

 

È originario della parte orientale della Mongolia e del nord della Cina. E’ lungo fino a 5-6 cm; ha le orecchie piuttosto grandi e uno sguardo vispo. Colori: rossiccio o ruggine sul dorso, bianco su pancia, gola e sopracciglia. Se abituato fin da piccolo è addomesticabile, altrimenti è un tipo parecchio nervosetto. E’ molto veloce, si muove in modo fulmineo ed è la specie più difficile da addomesticare. Sono abbastanza socievoli con i loro simili rispetto agli altri criceti, ma la lotta è sempre dietro l’angolo. Sono tra i più longevi, vivono anche più di 3 anni.

 

 

Criceto Cinese, Cricetulus griseus

 

È originario della Mongolia e del nord della Cina. Molto raro da trovare in Italia, è lungo da 10 a 12 cm, con una coda di circa 2 centimetri e il corpo piuttosto allungato. Ha il pelo cortissimo. Colori: marrone e ruggine sul dorso, avorio sulla pancia. Ha una caratteristica linea più scura che si riconosce facilmente lungo la colonna vertebrale. Carattere: timido, si spaventa facilmente. Vita media: 2-3 anni.